Home  >>>  FAQ  >>> 

Prestazioni di sostegno al reddito

Quando deve essere sottoscritto l’accordo sindacale?
L’articolo 5 del Regolamento FSBA prevede che l’accordo sindacale debba essere sottoscritto preventivamente rispetto all’inizio della sospensione dei lavoratori.
Pertanto le domande possono essere presentate entro 30 giorni dall’inizio della sospensione, ma l’accordo sindacale deve essere preventivo rispetto alla stessa domanda.
Quali sono le prestazioni erogate?
Il Fondo eroga le seguenti prestazioni:
- un assegno di durata e misura pari all’assegno ordinario (art. 30  Dlgs 148/2015)
- assegno di solidarietà (art. 31 DLgs 148/2015)
nel limite unico del massimale mensile pari ad euro 982,40 e s.a.
Come si richiede la prestazione?
La domanda di prestazione viene presentata dall’impresa a EBNA/FSBA entro 30 giorni dall’inizio effettivo della sospensione o riduzione
Alla domanda dovrà essere allegato
• l’Accordo sindacale o la dichiarazione dell’Autorità competente attestante l’evento per situazioni climatiche
 • il LUL relativo al mese antecedente la richiesta di intervento
Quali sono le condizioni per erogare le prestazioni?
Le prestazioni sono erogate alle seguenti condizioni:
 
• regolarità contributiva a FSBA da parte dell’azienda dal 1° gennaio 2016
 
• anzianità aziendale del dipendente di almeno 90 giorni dalla data di richiesta della prestazione
 
 • Accordo sindacale.
Le prestazioni si possono cumulare?
Le prestazioni non possono cumularsi e nel biennio mobile sono alternative fra loro.
Quando viene erogato l' assegno ordinario?
L’assegno ordinario è corrisposto ai dipendenti delle imprese che, in presenza di Accordo sindacale, siano sospesi a zero ore  o effettuino prestazioni di lavoro ad orario ridotto nei seguenti casi:
 
• Situazione aziendale dovuta ad eventi transitori non imputabili all’impresa o ai dipendenti, ivi comprese le situazioni climatiche
 
• Situazioni temporanee di mercato
Quando viene erogato l' assegno di solidarietà?
L’assegno di solidarietà è corrisposto ai dipendenti delle imprese che, in presenza di Accordo sindacale effettuino prestazioni di lavoro ad orario ridotto
 
• per evitare licenziamenti plurimi individuali per giustificato motivo oggettivo.
Quant'è la durata delle prestazioni?
Ai fini del computo delle giornate fruite, per il conteggio della durata massima delle prestazioni prevista all’art. 4 del Regolamento, non si computano le festività cadenti nel periodo di fruizione delle prestazioni che restano a carico delle aziende.
Le nuove aziende possono presentare domanda di prestazione al Fondo FSBA?
Nel caso di imprese neo-costituite, in deroga a quanto previsto all’art. 13, fermo restando il criterio dell’anzianità del dipendente, sarà verificata la regolarità contributiva di tali imprese nei 6 mesi successivi la costituzione dell’impresa, ovvero dopo un semestre di contribuzione.
Cosa fare in caso di ripresa dell'attività produttiva?
L’art. 15 del Regolamento cita l’obbligo di comunicare la ripresa produttiva al termine della prestazione. Con ciò si intende dire che in caso di cessazione dell’attività produttiva immediatamente successiva alla fruizione delle prestazioni FSBA, è fatto obbligo di restituzione delle prestazioni erogate da parte di FSBA.
Cosa fare se l’azienda non è presente sulla piattaforma e non ne è consentito l’abbinamento tramite la procedura?
Il problema può verificarsi nel caso in cui l’azienda in questione ha iniziato a versare soltanto recentemente regolarizzando anche il pregresso ma il sistema non ha ancora ricevuti i flussi dati, che in genere arrivano con una differita di circa 3 mesi.
La procedura da seguire è la seguente:
Scaricare il seguente MODELLO ed inviarlo compilato tramite mail al proprio Ente Regionale di appartenenza specificando una delle motivazioni sopra descritte.
Contestualmente si richiede anche l’invio delle quietanze di pagamento F24 per i lavoratori in questione.
L’Ente Regionale provvederà ad inserire l’azienda e i lavoratori sul sistema e di conseguenza si potrà procedere con l’abbinamento dell’azienda al proprio utente.
Di seguito i riferimenti degli Enti Regionali http://www.ebna.it/Content/Index/Il%20Sistema%20degli%20Enti%20Bilaterali
Cosa indicare sull'Accordo sindacale in corrispondenza del campo orario settimanale?
A correzione della precedente informazione si precisa che il campo "orario settimanale" si deve compilare inserendo le ore settimanali contrattuali.
Può essere considerata valida la procedura preventiva di consultazione sindacale inviata alle sole organizzazioni territoriali sindacali?
Nella normativa relativa ai fondi di solidarietà non è prevista un’apposita procedura di informazione e consultazione sindacale, a differenza di quanto previsto per le integrazioni salariali (art. 14, D.Lgs. n. 148/2015). Il Regolamento di FSBA stabilisce che l’accordo sindacale sia preventivamente sottoscritto «secondo le procedure in essere a livello territoriale» (art. 5). Nei fac-simile di domanda di assegno ordinario e di assegno di solidarietà è indicata la controparte sindacale sottoscrittrice l’intesa identificata nel Rappresentante sindacale di bacino, RSA o RSU.
Al fine di salvaguardare le specifiche procedure in essere a livello territoriale si ritiene sufficiente, ai fini della validità della procedura, l’invio della richiesta preventiva di consultazione sindacale alle sole organizzazioni territoriali (delegato di bacino) e non anche, contestualmente, alle RSA o RSU se esistenti e costituite. 
Quando si deve comunicare la ripresa dell'attività produttiva?
Il documento per dichiarare la ripresa dell’attività produttiva dev’essere trasmesso tramite l’apposita procedura, al termine del periodo di sospensione indicato sull’accordo sindacale.
In presenza di continuità della sospensione, con la presentazione di ulteriori domande, la dichiarazione dovrà essere inviata al termine dell’ultimo periodo di sospensione.
Da quando decorre il termine di 30 giorni per la presentazione della domanda di prestazione?
Il termine di 30 giorni indicato nell’Articolo 8 del Regolamento FSBA fa riferimento alla data d’inizio della sospensione o riduzione indicata nell’accordo sindacale.
Come vanno utilizzati gli strumenti contrattuali prima della sospensione/riduzione di orario?
Ai sensi dell’articolo 14 del Regolamento FSBA, all’atto della presentazione della domanda di prestazione i lavoratori devono aver usufruito di tutti i periodi residui dei vari strumenti contrattuali (ad esempio ROL, flessibilità, banca ore), mentre per quanto concerne le ferie residue il periodo conteggiato relativo all’anno precedente fa riferimento all’anno solare.
Gli eventi sismici rientrano nelle causali di intervento previste dal Fondo?
In merito alla interpretazione dell’art. 5 del regolamento relativo alle causali di intervento relative alle prestazioni di sospensione o riduzione dell’orario di lavoro, data la natura del Fondo e la durata limitata delle sue prestazioni, gli eventi sismici non rientrano nelle causali di intervento relativo agli eventi transitori.
Come viene considerata l’anzianità contributiva in presenza di contratti stagionali o a tempo determinato?
In caso di lavoratori stagionali o assunti a tempo determinato, ancorché in maniera continuativa negli anni, l’anzianità dei lavoratori ai sensi dell’art. 12 del Regolamento è maturata ogni qualvolta il relativo contratto è sottoscritto.
In tali casi la prestazione di cui al punto a) dell’art. 5 è erogabile nell’ambito temporale della vigenza del rapporto.
Qual è la durata delle prestazioni?
La durata delle prestazioni è:

- 13 settimane per assegno ordinario in un biennio mobile 
Ogni giornata che presenti una qualsiasi riduzione dell’orario giornaliero applicato equivale ad una giornata di sospensione.
 
- 26 settimane per l’assegno di solidarietà in un biennio mobile